Google conduce esperimenti per mostrare banner direttamente sulle pagine dei risultati

google-banner

La promessa, dai toni solenni, espressa agli utenti del web in occasione di una partnership commerciale con AOL risale al 2005:

There will be no banner ads on the Google homepage or web search results pages. There will not be crazy, flashy, graphical doodads flying and popping up all over the Google site. Ever.

Continua a leggere sul sito HCE Web Design

Annunci

I servizi di analisi proposti da Google si rinnovano

dati-strutturati_okPer chi si occupa di SEO e posizionamento sui motori di ricerca questa estate è stata un periodo di piccole rivoluzioni. Google ha infatti aggiornato e modificato parecchi suoi servizi, adottando funzionalità da tempo richieste dagli utenti e dai professionisti del settore. Ne segnaliamo due che riteniamo particolarmente utili e rilevanti.

Continua a leggere sul sito HCE Web Design

Web Marketing e SEO per Porto Sosàlinos

Camping Sardinien Porto Sosàlinos

Continua la campagna di web marketing per il posizionamento del sito del Campeggio Porto Sosàlinos in Sardegna.

Dopo i buoni risultati ottenuti, si continua con i termini:

Entrambi già ben posizionati su google.de, con un piccolo sforzo puntiamo alla conquista delle prime posizioni.
Al solito, stiamo a vedere come si evolverà il posizionamento nei prossimi mesi…

HCE Network al via!

Con un sito dedicato alla pubblicazione gratuita di comunicati stampa ed uno alla segnalazione dei migliori ostelli nel mondo comincia l’avventura dell’HCE Network, una rete di siti sviluppati da HCE Web Design con un occhio strizzato al web-marketing ed uno alla fruibilità per l’utente.

Guarda e impara a conoscere Comunicati-stampa.hce.it e Prenotazione-ostelli.hce.it, i primi anelli di una catena di siti dedicati tanto all’utente in cerca di informazioni quanto alle aziende interessate a farsi conoscere nel web!

Google PageRank – Croce e delizia del SEO

Come ormai abitudine, il primo gennaio Google ha aggiornato il PageRank, la barretta verde che per tanti anni è stata tra i pochi parametri di valutazione dell’attività SEO su un sito.

Il PageRank è stato uno strumento molto comodo per poter attribuire un valore a qualcosa di intangibile, il lavoro dei SEO appunto, soprattutto nei confronti dei clienti, bisognosi di dati tangibili da valutare e a cui dare un prezzo. Creando però un paradosso: l’inseguimento di un buon piazzamento su quella barretta ha spesso fatto tralasciare altri fattori dell’ottimizzazione di un sito tra cui, il più rilevante, l’effettivo Ritorno sull’Investimento (ROI) compiuto dal committente. Continua a leggere